La CEI finanzia un progetto di complementarietà a Bem Viver, Amazzonia Brasiliana

La CEI, Conferenza Episcopale Italiana, ha approvato un progetto di complementarietà, che contribuirà a finanziare e a permettere lo svolgimento del progetto attualmente in corso nell’Amazzonia Brasiliana, il Progetto Vivere bene – diritti economici e di cittadinanza per le comunità indigene e fluviali dell’Alto Solimoes, finanziato dall’Unione Europea UE.

Il Progetto Vivere Bene si sviluppa in continuità con il precedente, Sostegno alle comunità indigene e rivierasche dell’Amazzonia brasiliana, cofinanziato dal Ministero degli Affari Esteri Italiano e dai Frati Minori Cappuccini dell’Umbria per lo sviluppo produttivo e il miglioramento delle condizione igienico-sanitarie delle popolazioni native dello stato di Amazonas terminato nel 2013.

Il Progetto Vivere Bene durerà sino al 2016. Nel programma, è coinvolta anche la CUT (storico partner sindacale dell’ISCOS e della CISL) dello stato di Manaus che opera nell’azione per garantire migliori condizioni di lavoro alle beneficiarie e ai beneficiari. La CUT agisce in questa direzione anche attraverso il sostegno al sindacato rurale di Benjamin Constant, area di azione del progetto, che nel 2013 ha affiliato alla propria Centrale. Nell’azione interviene anche l’ISCOS Emilia Romagna come partner diretto del progetto.