Donazione 5 per mille

Devolvi il 5 per Mille ad ISCOS

Non ti costa nulla e basta una firma!

Ecco come fare:

  • Compila il modulo 730, Modello Unico, la CU rilasciata dal tuo datore di lavoro o dall’ente erogatore della pensione.
  • Firma nel riquadro indicato come: “Sostegno del volontariato e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale”.
  • Indica il codice fiscale di ISCOS: 97028820583

Importante: La scelta del 5×1000 non è alternativa all’8×1000. Puoi fare ambedue le scelte senza alcun aggravio di imposte.

La donazione è deducibile dalle tasse, anche per la tua azienda!

Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall’ente erogatore della pensione, può destinare il 5×1000.

Per farlo è sufficiente compilare la scheda e presentarla, in busta chiusa:

  • ad un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (commercialista, CAF, etc.)
  • allo sportello di un ufficio postale o a uno sportello bancario che provvederà a trasmetterle all’Amministrazione finanziaria (il servizio è gratuito), oppure
  • sulla busta scrivi: Scelta per la destinazione del cinque per mille dell’Irpef” e indicare il tuo cognome, nome e codice fiscale.

Perché dovresti firmare e far firmare per l’ISCOS?

  • Perchè, citando Albert Spaemann uno dei più grandi pensatori contemporanei: “La dignità è il fondamento dell’uomo, spiega l’esistenza di diritti e doveri, della libertà e della responsabilità.” Per questo è importante che tu faccia ora una scelta di Dignità.
  • Perché concetti come lavoro dignitoso, dialogo sociale, formazione professionale e sindacale sono diritti di tutti e qualsiasi diritto umano è tale solo se condiviso.
  • Perché l’ISCOS ti riguarda.

Anche tu puoi fare molto e non ti costa nulla ti basta scrivere il Codice Fiscale di ISCOS 97028820583, nello spazio già presente sulla tua dichiarazione dei redditi e apporre la tua firma.

Cosa faremo con il 5x1000 per ISCOS?

Con il 5×1000 per ISCOS ci permetti di continuare a realizzare progetti a sostegno dei diritti umani, sviluppo socio-economico, lavoro dignitoso, giustizia sociale e diritti sindacali in Asia, Africa, America Latina, Est Europa e bacino del Mediterraneo e in Italia.

Alcuni esempi di progetti e aree di itervento:

1. ASSOCIAZIONISMO SINDACALE

“Adotta un/a  Sindacalista Birmano/a”: a fianco del popolo birmano per la democrazia e i diritti umani [2011->2012]

Rafforzare il sindacato per proteggere e promuovere i diritti dei lavoratori.

2. SVILUPPO SOCIO-ECONOMICO

Sostegno alle comunità indigene e rivierasche dell’Amazzonia Brasiliana [2010-2011->2012]

Promuovere le attività produttive e cooperative che hanno uno stretto legame con la comunità e il territorio di riferimento.

3. SICUREZZA ALIMENTARE

Mali: il paradosso di Sikasso [2010-2011->2012]

Promozione del cooperativismo e l’accompagnamento delle famiglie contadine per promuovere la sicurezza alimentare e quindi la salute.

4. RIABILITAZIONE POST-EMERGENZA

Emergenza Pakistan, la riabilitazione dopo l’alluvione del  2010

Attività di riabilitazione in paesi dove gli effetti devastanti delle catastrofi naturali si sommano alla povertà persistente, all’ingiustizia sociale e alle guerre.

5. MIGRANTI

L’impegno del sindacato per la governance della migrazione [2010-2011], Ucraina e Moldavia

ISCOS interviene affinché i gruppi e le popolazioni costrette a lasciare la propria casa possano veder riconosciuto il loro diritto a una vita dignitosa.

6. GRUPPI VULNERABILI

Repubblica Dominicana. Il paradiso caraibico perduto [2010-2011]

Crescere, educare e formare i futuri membri della società, proteggere chi è in difficoltà, garantire l’accesso alle cure mediche per dare eque opportunità di realizzazione a tutti gli individui.

7. ORGANIZZAZIONI DELLA SOCIETA’ CIVILE

Alla “scoperta” dei diritti con la società civile cinese [2011->2012]

Il sostegno alle organizzazioni della società civile, così come quello ai sindacati, è fondamentale per uno sviluppo equo e senza discriminazioni.

8. EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO

“Health for All!”: una campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e dei decisori politici sui temi del diritto alla salute.