Categoria: Terre: storie di cooperazione

terre

Un rapido e suggestivo approccio visivo ad alcuni dei progetti in corso. I video prodotti sono stati: “Sviluppo sostenibile nella Frontiera dell’Amazzonia brasiliana”, “Miglioramento del reddito e della sicurezza alimentare in Mali” e“Demolitori navali in India”

Demolitori Navali in India

Il reportage di maggio 2012, racconta il lavoro degli operai dei cantieri navali di demolizione in India. Si tratta di uno dei luoghi di lavoro più pericolosi al mondo, se non il più rischioso. I 70.000 operai lavorano con turni estenuanti, in una situazione di estremo rischio per la loro salute e per l’ambiente, esposti alle polveri e ai residui dell’opera di smantellamento delle navi, che troppo di frequente causa incidenti anche gravi. Iscos sta progettando, insieme ai Sindacati Indiani, un’azione per intervenire a sostegno dei lavoratori, aiutarli a rivendicare i loro diritti e rendere più umano il lavoro che svolgono.

Miglioramento del reddito e della sicurezza alimentare in Mali

Il reportage di aprile 2012, racconta le attività del “Programma di miglioramento del reddito e della sicurezza alimentare delle famiglie contadine attraverso la valorizzazione della produzione della patata nella regione di Sikasso”, per il miglioramento dello stato nutrizionale e della redditività delle comunità rurali più vulnerabili tramite il rafforzamento delle capacità cooperative dei produttori e l’ottimizzazione di produzione, stoccaggio e conservazione del prodotto

Sviluppo sostenibile nella Frontiera dell’Amazzonia brasiliana

Il reportage di marzo 2012, racconta l’azione “Sviluppo sostenibile nella Frontiera dell’Amazzonia brasiliana ” attuata da ISCOS nella zona dell’Alto Solimões, Benjamin Constant diretta a migliorare le condizioni igienico-sanitarie delle comunità, aumentarne gli ingressi economici attraverso la formazione di un polo produttivo che utilizzi le risorse naturali disponibili, nel rispetto dell’ambiente e delle normative internazionali tese alla protezione dell’Amazzonia.