Progetto Vivere bene – diritti economici e di cittadinanza per le comunità indigene e fluviali dell’Alto Solimoes

Contribuire a ridurre la povertà e a promuovere una società inclusiva e formata in un contesto di etno-sviluppo sostenibile. Migliorare la capacità di generare reddito (monetario e non monetario) attraverso la valorizzazione dei sistemi produttivi e sociali locali mediante la partecipazione attiva delle comunità (con enfasi nel ruolo delle donne e dei giovani) e l’incidenza nelle politiche pubbliche.

Attività previste:

  • Diffusione dei sistemi agroforestali, melliferi e artigianali nelle unita’ di produzione famigliare.
  • Formazione e assistenza tecnica nella produzione, trasformazione e commercializzazione in agricoltura, apicultura e artigianato.
  • Promozione di sistemi di trasformazione in agricoltura, apicultura e artigianato.
  • Promozione di iniziative di commercializzazione di prodotti agricoli, melliferi e artigianali.
  • Formazione di organizzazioni attraverso il sistema di incubazione di imprese economiche solidali con modelli di gestione comunitaria.
  • Formazione delle organizzazioni per rafforzare il ruolo delle donne.
  • Promozione di una organizzazione intercomunitaria per ottimizzare i processi produttivi e commerciali agricoli.
  • Formalizzazione di partenariati e partecipazione agli spazi di concertazione pubblici.
  • Implementazione delle Case Famigliari Rurali con i giovani.
  • Promozione dei diritti sulla protezione sociale.

Dall’agosto del 2014 il progetto ha potuto potenziare le proprie attività grazie ad un finanziamento concesso dalla CEI, Conferenza Episcopale Italiana

Se hai trovato interessante questo post, condivido con facebook, twitter o google+, iscriviti alla nostra newsletter o al feed RSS.